Moda e stile: tutti i look dagli anni trenta ad oggi - Polverini Hair Academia

Moda e Stile: tutti i look dagli anni trenta ad oggi

blog image

Dai Look più classici a quelli stravaganti:ecco come sono cambiati moda e stile nel corso degli anni.

Per l’articolo di oggi abbiamo deciso di presentarvi un riassunto dei filoni principali di stile femminile. Un’evoluzione dagli anni Trenta ad oggi per comprendere le varie tipologie di stile che hanno fatto da padrone nei vari anni.

Se invece ti interessano le varie tendenze per quest’estate 2020, leggi uno dei nostri ultimi articoli cliccando qui. 

Iniziamo subito!

Anni Trenta

La base di moda e stile negli anni trenta è quella dell’emancipazione femminile. La donna diventa una figura sempre più autonoma dopo la prima guerra mondiale. Una donna più svelta che senza nessun problema a farsi carico di situazioni e competenze che prima non erano sue. 

Per quanto riguarda i capelli si accorciano radicalmente lasciando spazio ad uno stile pulito e minimal con colori come il nero e il biondo. Si giocava su un aspetto che in qualcosa richiamasse la figura maschile, l’emancipazione partiva proprio dal voler accorciare i propri capelli.  Nascono i primi ferri di moderna concezione.

Anche Chanel taglia i suoi capelli

Famosissima quella serata in cui Chanel si presentò dopo essersi tagliata da sola i capelli. Questa nuova figura femminile nuova e pulita che si toglieva di tutto quanto l’eccesso. A questo proposito Chanel stessa diceva: 

“Alcune persone pensano che il lusso sia l’opposto della povertà. Non lo è, è l’opposto della volgarità.”

Moda e stile 2

Foto allaboutroccosmakeup.blogspot.com

Foto mjbeautycollection.com

Anni Quaranta

Se prima l’ispirazione veniva da Parigi adesso diventa l’America il paese principale che detta lo stile,  anche per quanto riguarda i capelli.

Capelli più lunghi con donne considerate importanti nell’ottica di infermiere e casalinghe. In questi anni piacciono le forme più piene rispetto a prime dove si ricercava invece una figura snella.

I capelli sono visibilmente più morbidi. E’ l’epoca del grande divismo: il capitalismo per sopravvivere alla guerra portava sempre più al conformismo anche nell’aspetto. Quindi il colore ricercato era uno: il biondo, per altri popoli abbinato al fascismo.

Sono i primi anni in cui anche il rosso va molto, poiché associato alla forza, alla femminilità, al carisma e alla lussuria. La scelta di questi colori colmava il fatto che le persone in questo periodo non potevano ottenere, se non dai propri look, forza e carisma in nessun altro modo.

Inoltre questo è stato il primo periodo in cui è nata la consulenza d’immagine, grazie proprio al lavoro del cinema. Quest’ultimo metteva davanti l’obiettivo di dover apparire bene, quindi lo studio della bellezza e dell’apparenza. 

moda e stile 4

Foto amica.it

Anni Cinquanta

Moda e stile negli anni cinquanta hanno una doppia tendenza: una Europea e l’altra Americana. In entrambe si ricerca di tornare alla femminilità e alla ricchezza. Le figure che piacciono in questo periodo sono molto abbondanti e visibili, con forme più classiche: i capelli si allungano nuovamente, i colori si attenuano e nascono le due case di tendenza differenti: una la moda Americana e l’altra quella di Dior da Parigi. 

E’ un periodo caratterizzato da gonne larghe, tanti volumi e capelli voluminosi. Il simbolo estremo di quegli anni era proprio Marylin Monroe. Una Femme Fatale abbondante, che racchiude sia la donna di casa che la vamp del cinema.

Dal punto di vista di capelli negli anni Cinquanta è nato il periodo dei grandi parrucchieri per tutti. Con prodotti che al giorno d’oggi sono inutilizzabili perché considerati “poco sani”.

Dagli anni Cinquanta in poi la moda viene dettata dal cinema: si ricercano look simili ad attori noti nel periodo. 

moda stile 5

Foto lmo.wikipedia.org                      Foto elisamotterle.com

Anni Sessanta

Doppia linea in questi anni America ed Europa. In America siamo in piena borghesia di coloro che si sono arricchiti grazie alla guerra.

In Europa abbiamo invece il grande cinema sia Italiano che Francese con bellezze come Sophia Loren, Gina Lollobrigida e Brigitte Bardot che portano le grandi bellezze Europee anche in America.

Più classiche più femminili e più mature rispetto all’America.  

Si ricerca ancora il conformismo dal punto di vista dello stile. Nascono però anche i primi movimenti contrastanti a ciò.

Questo è l’anno del Boom delle permanenti, insieme alle grandi cotonature con volumi molto visibili. Ritornano anche i capelli corti per i più giovani.

Moda e stile 7

Moda e stile 8
                                                                                       Foto di ilcittadinomb.it

Anni Settanta

Dopo il movimento dei figli dei fiori si cerca di staccarsi dal conformismo classico degli ultimi anni. Si ricerca uno stile più informale con tagli scalati, nascono le scalature visibili.

Si hanno molta individualità e libertà personale con grandi rivolte sociali legate ad esempio alla guerra del Vietnam. Allo stesso tempo a livello di cinema e di musica ci sono le prime famose Rock Star, con uno stile molto visibile e graffiante dove il trucco è parte integrante del carattere di una persona. 

La figura che si ricerca adesso è una figura giovane e snella con colori visibili e forme esagerate ed eccessive, ma allo stesso tempo che slanciano. 

Nasce lo stile punk, rock and roll, country, ma anchepiù naturale. I contrasti fanno da padroni. Si ricercano gli eccessi: da capelli lunghissimi a capelli cortissimi senza vie di mezzo. 

Sono gli anni della nascita dei grossi marchi, quindi non ci si omologa più a un unico esempio. Da adesso in poi si inizia uno studio sempre più approfondito dal punto di vista dei prodotti di parrucchieri. Infatti diverse leggi avevano bloccato la possibilità di utilizzare molto prodotti di larga distribuzione poiché ritenuti dannosi.

Moda e stile 9

Foto britannica.com

Anni Ottanta

La moda degli anni ottanta è esagerata e super colorata, più si è visibili e meglio è. Non a caso l’icona di questo periodo è proprio Madonna. Ognuno fa i capelli come ritiene più opportuno, più sono stravaganti e meglio è. 

In America c’è una svolta conservatrice che prova a riportare il classico come stile da seguire. In opposizione a l’edonismo dell’epoca e la voglia di vivere la vita alla giornata. Consumismo sfrenato e la cura del corpo diventa una vera e propria fissazione. 

Nascono anche le prime pettinature da passerella legata allo sport, ad esempio boxer braid, trecce, freccine africane ecc…

Moda e stile 10

Foto di pinterest.it

Anni Novanta

Negli anni Novanta si ha uno stile Grunge: informale, sportivo e rap per antonomasia. Questo è caratterizzato da salopette, top, magliette stampate e eans Comodi.

Sono gli anni della grande emancipazione femminile “Sex and the City”: donne libere, in forma e in carriera. La moda ormai detta legge. Inizia lo stile Unisex e il Conformismo delle maglie tutte uguali e tutte in serie, visibilissimi i pantaloni di Levis, Benetton e molte altre grandi marche commerciali.

Capelli in prevalenza lunghi, per le ragazze giovani e medio corti per donne più mature. 

Moda e stile 12

Foto staibenissimo.com

Anni Duemila

Ecco l’era dei primi Influencer. Si hanno nuovamente colori estremi sia nei capelli che nelle tendenze moda, molto di moda la tinta unita.

Stile principalmente dedicato ai giovani, le donne mature vengono quasi lasciate in secondo piano. Ormai l’Unisex è alla base dello stile generale e nasce dalla fine degli anni novanta la tendenza a seguire semplicemente la moda che viene dettata dai capelli ai vestiti a 360 gradi. Si vive molto per emulazione. 

Moda e stile 13

Foto di donnemagazine.it

Dal 2010 in poi siamo figli solamente di Internet…

Da adesso in poi si seguono tendenze tramite YouTube, Facebook, Instagram e chi suggerisce lo stile migliore. 

E’ anche vero che in questi ultimi 10 anni è nata una logica molto più naturale e biologica che ricerca di sdoganarsi dagli stereotipi. Molta più consapevolezza, con tendenze varissime. Già dagli anni ottanta le tendenze sono talmente tante da non poter più proseguire in un’unica strada. 

Soprattutto dal 2000 in poi ogni persona cerca di sentirsi bene con il proprio stile, quindi ognuno sceglie qualcosa che sente in linea con la sua persona più che modificarsi per assomigliare a qualcuno.

Ecco quindi una presentazione dettagliata dei vari stili dagli anni Trenta ad Oggi.

Ti è piaciuto l’articolo? Faccelo sapere nei commenti!