Colorimetria | approfondiamo la composizione molecolare del capello

Colorimetria: Quale è la composizione molecolare del capello?

blog image

Colorimetria: Quale è la composizione molecolare del capello?

La colorimetria è un argomento affascinante e complesso che già abbiamo iniziato ad approfondire in un nostro precedente articolo.

Se qualcosa vi fosse sfuggito potete subito rimediare e andare a rinfrescarvi la memoria leggendo questo articolo del blog.

Oggi approfondiremo più nello specifico un altro aspetto legato alla colorimetria: la composizione molecolare dei nostri capelli;  costituiti da 82% di proteine, 1% di lipidi, 12% di acqua, 2% di pigmenti naturali, 2% legami residuali e 1% di altri elementi.

La cheratina è la proteina principale suddivisa in 20 aminoacidi, tra i quali: acido glutamico, cisteina, serina, arginina.

Le proteine sono formate da 45% di carbonio, 7% di zolfo, 28% di ossigeno, 5% di azoto, 15% di idrogeno.

La colorimetria naturale dei capelli si deve a particolari pigmenti contenuti nella corteccia.

Essa è data dai pigmenti prodotti da cellule chiamate Melanociti, normalmente indicati come “Melanina“.

Negli esseri umani, tutti i differenti colori si originano da due soli tipi di pigmento melaninico: le Eumelanine e le Feomelanine.

Le Eumelanine sono responsabili per i colori marroni e neri mentre le Feomelanine sono responsabili per rossi e biondi.

I diversi colori di capelli sono dovuti ad una combinazione di queste due strutture biochimiche di base.

Mescolando i due pigmenti in concentrazioni diverse si possono ottenere le tante tonalità di colore presenti in natura.

Le Eumelanine sono proteine molto forti e stabili composte dalla Tirosinasi.

Durante il processo d’invecchiamento, l’attività della Tirosinasi aumenta diventando più attiva nell’età centrale per poi diminuire progressivamente.

Ecco il caso di quando i capelli diventano gradualmente bianchi. Può così nascere l’esigenza di coprirli!

Occorre dunque ricordare che non esistono né diete particolari, né vitamine capaci di restituire ai capelli il loro colore naturale ormai perduto.

Se si desidera perciò coprire l’inestetismo dei capelli bianchi, è necessario ricorrere alla colorazione artificiale.

Oggi, la moderna scienza cosmetica offre molteplici possibilità.

Un altro elemento importante che definisce e caratterizza il nostro capello è certamente la texture che identifica il suo diametro, la sua struttura, la porosità il grado di assorbimento di sostanze.

 

I CAPELLI:

se naturali hanno una propria texture che è influenzata anche dalle loro condizioni.

possono essere spessi e ispidi o sottili e morbidi, con una superficie lucente definita o raffinata.

appaiono spenti e opachi.

se resistenti possono essere fragili e vetrosi.

 

Se vi abbiamo incuriosito e volete approfondire la tematica della colorimetria vi aspettiamo al  nuovo corso di colorimetria dell’Offerta Formativa 2018 della Polverini Hair Academia.

 

 

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *