Armocromia: come fare una consulenza d'immagine - Polverini Hair Academia

Armocromia: come fare una consulenza d’immagine.

blog image

Come possiamo dedurre dal titolo in questo articolo parleremo di armocromia e di come funziona.

Prima di tutto diamo una definizione di armocromia: 

si tratta di una disciplina che studia il colore con il primario obiettivo di valorizzare l’immagine delle persone. In particolar modo mettendo in risalto il volto.

Se fino a poco tempo fa questa disciplina non era molto conosciuta, negli ultimi tempi sta riscuotendo sempre maggior successo nell’ambito della moda, ma anche tra le persone, curiose semplicemente di scoprire quali colori inserire nel proprio guardaroba o quali tonalità scegliere per i propri capelli per creare così il proprio stile in tutta libertà, ma con un preciso criterio. 

Anche questa volta ci siamo affidati ad una professionista nel settore, Sylvie Angelini, la quale ha maturato esperienze in aziende di primo piano come ad esempio Tigi. Per lei i colori giocano un ruolo importante nella propria professione, che porta avanti con estrema passione. 

“Alla base di tutto”, afferma Sylvie, “c’è molta creatività e voglia di conoscere”. Non a caso il suo motto risiede nelle parole di Albert Einstein: 

“La creatività non è nient’altro che l’intelligenza che si diverte”. 

Vediamo quindi insieme le risposte di Sylvie alle nostre domande in modo da essere pronti a valorizzare e consigliare i giusti colori alle nostre clienti in salone e renderle pienamente soddisfatte dei risultati.

Perché l’armocromia è importante per i capelli? 

E’ fondamentale che i nostri capelli si presentino in armonia con il proprio viso, poiché giocano un ruolo primario facendo da vera e propria cornice al viso e mettendolo in risalto. 

Per questo è consigliabile scegliere il giusto colore, arricchendolo magari con le numerose tecniche di colorazione come tono su tono o schiariture, migliorando in questo modo le caratteristiche della cliente e minimizzando i difetti dai quali si vuole distogliere l’attenzione. 

Vediamo insieme nei dettagli la differenza tra i colori più chiari e quelli più scuri: 

  • Colori Chiari: i colori chiari nei capelli aiutano a creare texture e morbidezza. 
  • Colori Scuri: i colori più scuri, invece, aiutano ad incorniciare il viso dando profondità. 

A ciò si aggiunge chiaramente anche la giusta scelta del proprio Make-up ad esempio giocando con la tecnica del contouring, ideale per valorizzare i pregi del proprio viso con i colori più chiari e mitizzarne i difetti con quelli più scuri. 

Qual’è l’obiettivo principale per valorizzare il nostro viso?

L’obiettivo principale per valorizzare il viso, ci insegna Sylvie, è quello di creare l’ovale perfetto. 

Quindi per qualunque forma del viso non ovale dovremmo, aiutandoci con Make-up e capelli, dare l’illusione ottica di aver realizzato la perfetta forma del viso. 

Scopriamo quindi grazie a Sylvie i vari colori da abbinare alle differenti tonalità di pelle che possiamo incontrare, conoscendo così in maniera più chiara il funzionamento dell’armocromia. 

Se sei interessato all’argomento puoi partecipare al seminario di due giorni in Accademia, clicca qui per maggiori informazioni.

Pelle chiara tendenzialmente fredda 

Per questa tonalità di pelle ci sono diversi colori e sfumature da scegliere per i propri capelli e il proprio guardaroba che contribuiscono a risaltare l’incarnato:

  • Blu Ghiaccio 
  • Lilla 
  • Prugna 
  • Grigio 
  • Carbonio 
  • Cacao 
  • Rosa Antico 

Con questi colori potremo arrivare a un risultato in completa armonia con il proprio viso. 

Armocromia 2

Per quanto riguarda i capelli, con la pelle chiara, si sconsigliano nuance eccessivamente scure con riflessi troppo caldi ed intensi. Evitando così un risultato di estrema discromia, come possiamo vedere nella foto qui sotto.

Armocromia 3

Pelle dorata/olivastra

Per quanto riguarda questa tonalità di pelle i colori da prendere in considerazione sono: 

  • Caffè 
  • Crema 
  • Corallo 
  • Zucca 
  • Fucsia
  • Mango 
  • Terra

 

Armocromia 4

Per il colore dei capelli si sconsigliano fortemente le nuance di tono troppo chiaro con riflessi freddi, ad esempio tutti i biondi freddi. Anche il nero può contribuire ad indurire eccessivamente i lineamenti del viso creando, anche in questo caso, discromia. 

Armocromia 5

Pelle rosa/ambrata

Per quest’ultima tipologia di pelle si consigliano i seguenti colori: 

  • Argento 
  • Perla 
  • Beige Sabbiato 
  • Foglia di The 
  • Blu Navy 
  • Lavanda

Armocromia 6

Con queste tonalità l’armonia è assicurata. Si sconsigliano, al contrario, nuance di tono troppo scure con riflessi intensi. Quest’ultime creerebbero troppo contrasto tra il colore della pelle e i propri capelli, allontanandosi così dal concetto di cornice in armonia che la propria chioma deve creare con il nostro viso. Questo risultato di discromia si può chiaramente vedere nella foto qua sotto.

Armocromia 7

La nostra professionista nel settore ci ha spiegato quindi in maniera più che esaustiva tutte le caratteristiche e le particolarità fondamentali per far sentire ogni nostra cliente unica e soddisfatta a pieno del nostro servizio. 

Ringraziamo quindi Sylvie Angelini per averci dedicato del tempo, spiegandoci in maniera generale i principali segreti dell’armocromia, senza entrare nello specifico. Questo perché, essendo un argomento molto articolato, servirebbe sicuramente più tempo e spazio per approfondirlo come si deve. 

Se sei interessato all’argomento puoi partecipare al seminario di due giorni in Accademia, clicca qui per maggiori informazioni.

Siamo certi di aver fatto maggiore chiarezza a riguardo!

Leggi anche  i consigli della nostra esperta Daniela Moretti cliccando qui allo scorso articolo.

Fateci sapere se l’argomento vi è sembrato interessante e se vorreste qualche approfondimento a riguardo, saremo lieti di proseguire il discorso in un altro articolo.