Diventare parrucchiere: a tu per tu con Letizia Pitner - Polverini Hair Academia

Diventare parrucchiere: a tu per tu con Letizia Pitner

blog image

Letizia Pitner: la storia e il successo di un'allieva di Polverini Hair Academia

Una breve intervista con Letizia Pitner, allieva di Polverini Hair Academia. Grazie a questa storia di successo, vi raccontiamo la sua esperienza su come diventare parrucchiere.

Ciao Letizia! Grazie per la tua disponibilità per questa breve intervista. Iniziamo subito dalla prima domanda. Che cosa ti ha fatto intraprendere il percorso di Hair Stylist?

Prima di ogni altra cosa, sicuramente la mia forte passione. Sono anche un’attrice di teatro. Nel teatro i capelli sono essenziali, facendo parte del costume stesso. É stata quindi la passione, in primis, ad avermi fatto scegliere questo mestiere. Non solo per inseguire il desiderio di diventare una parrucchiera. Ma ancor di più ambiziosamente, ho sempre sognato di diventare una vera e propria stilista del capello.

Avendo quindi voglia di raggiungere un certo obiettivo, che mi ero prefissata fin da piccola, ho da sempre avuto chiaro quale dovesse essere il mio percorso per ottenere i risultati che sognavo.

Quale era la tua formazione prima di arrivare a Polverini?

In primis, ho fatto due anni di Liceo Classico, per poi capire quanto non fosse esattamente la mia vera strada. Ho quindi cambiato scuola, iscrivendomi al Liceo Artistico. Ma anche durante questa esperienza, dopo due anni, ho capito che non mi avrebbe aperto molte porte, quindi ho deciso di abbandonarlo. Mi sono infine iscritta al British School Institute di Firenze, ottenendo innanzitutto una qualifica per la lingua inglese.

In seguito ho scoperto Polverini Hair Academia. Conoscevo già la famiglia Polverini, nonostante non fossi ancora a conoscenza dalla loro accademia. Dopo essermi informata a sufficienza, mi sono iscritta.

 

come diventare Parrucchiere con Polverini

Come diventare parrucchiere: la scelta di Letizia Pitner

Perché hai scelto Polverini Hair Academia?

Ho scelto questa accademia perché mi ha offerto tantissime opportunità. Quando un ragazzo si impegna, ha passione o talento, e lo dimostra, viene preso molto sul serio. Ed io cercavo questo. Volevo essere presa seriamente per il mio obiettivo. Volevo diventare una stilista, nonostante tutti mi scoraggiassero. Elisa per prima, insieme a Maurizio, hanno creduto tantissimo in me e nel mio sogno. Sono felicissima della scelta che ho fatto e non sarei mai arrivata al livello in cui sono, senza di loro.

Qual è stato il tuo percorso all’interno dell’Academia?

Non lo nascondo. È stata davvero molto dura. È un percorso in cui, per arrivare a un determinato livello, occorre impegnarsi davvero moltissimo. Ma al contempo, all’interno dell’accademia, siamo seguiti costantemente da insegnanti di altissimo livello. Anche da Maurizio Polverini stesso. Questo per me ha rappresentato davvero un grandissimo onore.

Vantaggi dell’Academia?

I vantaggi all’interno dell’accademia sono molteplici. A seconda delle possibilità dell’alunno, si crea il programma personalizzato più adatto su come diventare parrucchiere. Questi programmi, fanno ottenere un ottimo livello anche in soli due anni. Io ne sono la prova. Quando sono arrivata in accademia sapevo davvero pochissimo su questo mondo. I trainer invece mi hanno formato moltissimo in ambito tecnico.

Persone ed artisti, nel vero senso della parola. Vanno a creare delle vere e proprie sculture, sia a livello di colore che di taglio, che si distinguono dalle altre. Hanno davvero quel qualcosa in più che incuriosisce le persone. Ci sono inoltre molte opportunità. Per esempio, durante il mio corso, siamo stati a visitare la mostra di Marina Abramović. Un eccellente esempio di arte contemporanea.

Per noi stilisti, è essenziale conoscere l’arte. In quanto tale, dobbiamo sempre trovare una continua ispirazione creativa, nuova, vendibile, ma che in primis sia arte e quindi qualcosa di esplosivo.

Come descriveresti l’esperienza all’interno dell’Academia?

Semplicemente, molto preziosa. E la ricchezza si traduce nei tantissimi insegnanti, molto validi e competenti. Prestano il loro tempo completamente a noi e alla nostra formazione. Ci fanno crescere in ambito professionale. Ma ci aiutano soprattutto a capire come diventare parrucchiere e a crescere anche come persone.

Cosa hai realizzato adesso? Ma soprattutto, dopo quanti anni di studio?

Io sono con Polverini da circa 2 anni e mezzo, quasi 3. Ho sempre avuto il desiderio di diventare una stilista, come spiegato in precedenza. Il mio percorso per diventare parrucchiere l’ho iniziato esattamente 2 anni fa, partendo praticamente da zero. Sono arrivata, adesso, solo dopo due anni di accademia, ad aprire un negozio tutto mio. Presto aprirò il mio negozio Polverini New Age. Per me è una cosa bellissima. Sarà sicuramente molto dura; ma vedendo l’opportunità che mi è stata proposta da Maurizio Polverini stesso, non ho potuto rifiutare una simile offerta.

Il mio motto è sempre stato “carpe diem”. Tutto ciò mi sprona molto. Dopo due soli anni, in cui ho potuto lavorare in molti negozi Polverini in tutta Italia, affiancata da tantissime persone di grande talento, sono riuscita a compiere questo importantissimo passo. Sono orgogliosa di quello che ho fatto e sono fiera di far parte della famiglia Polverini. Apprezzo tantissimo ciò che è stato fatto e continua ad essere fatto per me e per il mio futuro professionale. Soprattutto il grandissimo aiuto offerto all'inizio, proprio su come diventare parrucchiere, e la strada che mi è stata mostrata per fare ciò che sto facendo e creando oggi.

Se qualcuno mi chiedesse un consiglio circa lo scegliere o no questa incredibile realtà, non esiterai a suggerire vivamente l’accademia Polverini. Le possibilità che ho incontrato qui, non le ho mai trovate in nessun altra scuola frequentata.