moda capelli | Un hair look da rientro in ufficio con le trecce a lisca di pesce

blog image

moda capelli | Un hair look da rientro in ufficio con le trecce a lisca di pesce

moda capelli |

La prima settimana di settembre dopo le vacanze si sa è una delle più dure dell’anno. E visto che evitarlo non si può, tanto vale affrontar il rientro al meglio con un look che metta in risalto quel viso radioso che solo l’estate sa regalare. Largo dunque a capelli wild, colorito sunkissed e rossetto che ovviamente esalta l’abbronzatura. Diciamocelo, al ritorno in città è lecito sentirsi ancora un po’ in vacanza e viaggiare con la testa. Parola d’ordine essere radiose ed evitare al viso la sindrome di ritorno alla routine lavorativa o ripresa allo studio.
Un consiglio per i vostri capelli? Aspettate almeno ottobre o quando l’abbronzatura se ne sarà andata definitivamente prima di scurire le morbide nuancès che solo il sole può regalare (con la giusta cautela e protezione dai raggi UV e salsedine naturalmente) . Per tutto settembre potete ancora concedervi le beach waves, mentre se preferite raccogliere i capelli optate per uno stile easy e romantico come le trecce a lisca di pesce. Conosciuta anche come treccia a spina di pesce o fishtail braid, rappresenta una variante più glam della classica treccia; perfetta per gli outfits estivi/autunnali e molto semplice da realizzare. In passerella e per strada se ne son viste di tutti i tipi. Ma è la treccia a lisca di pesce, piatta realizzata con 2 ciocche resta sempre quella più di tendenza; tanto che sono sempre più numerose le donne che anche nel giorno del sì scelgono questa pettinatura. La treccia a spina di pesce è una delle acconciature più romantiche ed eleganti che esistano, tanto che sono sempre più numerose le donne che anche nel giorno del sì scelgono questa pettinatura. Da valutare anche come soluzione perfetta per ogni momento della giornata. Pratica, sensuale e facile da realizzare, la treccia a spina di pesce è stata una delle pettinature più in voga in questo 2017 e lo sarà anche in questi ultimi mesi dell’anno. Insomma per il grigiore autunnale abbiamo ancora un po’ di tempo. Non lasciate dunque che l’aria cittadina abbia la meglio sull’abbronzatura e la vostra splendida forma recuperata. Stupite le vostre colleghe al rientro in ufficio.La treccia che ricorda la forma della spina di un pesce (da qui il suo nome), è amatissima anche dalle celebrities, che non perdono occasione per sfoggiarla in diverse versioni nelle occasioni ed eventi più importanti.

 

moda capelli |

moda capelli |

moda capelli |

Scegli quella che preferisci e copia subito il beauty look più giusto per te:
La treccia a spina di pesce classica
Nella sua versione basic la treccia a spina di pesce (anche detta a spiga), è un’acconciatura che vi renderà perfette in qualunque momento della giornata, ideale a lavoro e chic per una serata fuori, magari nella variante “spettinata”. Può anche essere realizzata laterale, se si hanno i capelli lunghi, per un effetto più scenografico. Ecco come farla in pochi e semplici passi. Iniziate a dividere i capelli in due sezioni uguali. Prendete una ciocca nella parte sinistra della testa, fatela passare sopra la parte sinistra e poi unitela alla sezione destra, fissandola sotto. Ripetete la stessa operazione dall’altra parte, e continuate così per tutta la lunghezza dei capelli. Quando avete finito, fermate la treccia con un elastico.
Treccia a spina di pesce alla francese
Una prima variante della treccia a spina di pesce è quella alla francese, molto simile all’originale se non per il fatto che dovete iniziare a intrecciare i capelli dalla sommità della testa. Il risultato sarà un’acconciatura raffinata e di classe.
Treccia a spina di pesce inversa
Per realizzare la treccia a spina di pesce inversa cominciate con il pettinare bene i capelli e raccoglierli in una coda. A questo punto dividete la coda in due sezioni e, dalla parte esterna di una delle due, prendete una piccola ciocca che dovrete unire all’altra, facendola passare sotto. Ripetete lo stesso procedimento dall’altro lato e continuate così fino a quando non arrivate all’estremità della chioma.